Gelateria Cioccolateria - L'Erta del Bau - Firenze | Il gelato
17555
single,single-portfolio_page,postid-17555,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-6.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.5,vc_responsive
 

Il gelato

  • prodotti-gelato-9
  • La varietà di gusti classici
  • una passione da gustare
  • prodotti-gelato-1
  • prodotti-gelato-2
  • prodotti-gelato-3
  • prodotti-gelato-4
  • prodotti-gelato-5

Descrizione

L’inconfondibile gusto della vera frutta, la vellutata dolcezza delle creme, la morbidezza al palato di un alimento gustoso e genuino. Delizia per gli occhi e piacere per i palati, anche i più raffinati, il gelato de L’Erta del Bau ha in sè il gusto della semplicità e della genuinità, lavorate ad arte, in un mix di tradizione, qualità e passione.

La ricetta è semplice: uova, latte fresco, panna fresca, zucchero e frutta fresca. Ma sono le materie prime, quegli ingredienti, sempre freschi e sicuri, rigorosamente selezionati per ottenere i migliori sapori, lavorati con i metodi tradizionali che distinguono il gelato e fanno di esso un prodotto di altissima qualitàsanopulito e con caratteristiche adatte alla salute dei più clienti.

Per riconoscere un buon gelato, utilizziamo 4 dei nostri sensi:

“La vista”

Il primo approccio al gelato lo abbiamo con gli occhi. Un buon gelato deve essere asciutto, non bagnato, tendenzialmente opaco. I colori devono rispecchiare la natura degli ingredienti usati e non troppo accesi quasi fluorescenti.  Ad esempio, se troviamo il gusto banana giallo, c’è qualcosa che non và, la banana in realtà è bianca grigiastra.

L’olfatto

E’ il senso che è subito a contatto con il cervello e l’apparato orale. Dei 4 è forse il più importante, funge da stimolo per richiamare ricordi ed emozioni, bisogni e necessità ed è l’anticamera del gusto.  Un buon gelato, anche se è un alimento che sta sotto zero, sprigionerà odori distinti ma molto tenui, che ci devono invogliare all’assaggio. Un odore molto aggressivo invece  ci farà capire che contiene aromi artificiali.

Il tatto

Per tatto, si intende la struttura del gelato. Ciò che la determina sono i cristalli d’acqua, più sono microscopicamente fini, più sarà liscio in bocca. Proviamo a passare una palettina sul gelato, esso dovrà rimanere li dove l’abbiamo tirato e non fare l’effetto chewingum, la scia dovrà essere liscia e priva di buchi che determinano una dispersione d’aria, quindi un veloce scioglimento. Una buona struttura determina l’80% di un buon gelato.

Il gusto

Il gelato lo dobbiamo mordere per sentire la finezza del cristallo, si deve fondere con la pressione della lingua e non va masticato. All’ assaggio dobbiamo poter riconoscere il sapore caratterizzante del gusto preso e percepire qual è la sensazione che ci lascia. Dopo alcuni secondi la bocca deve essere pulita e libera da aromi ma soprattutto non deve lasciare quella sensazione di unto sulle labbra, sulla lingua o sul palato.

Il Gelato

Il gelato de L'Erta del Bau ha in sè il gusto della semplicità e della genuinità

Date

Febbraio 23, 2015

Category
Gelato, Prodotti